Seleziona l’edizione

IL RISCHIO DERIVANTE DALLA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E MOVIMENTI RIPETITIVI

L’attività di movimentazione manuale dei carichi presenta dei rischi rilevanti per la salute dei lavoratori; a ragione il Testo Unico sulla Sicurezza (D. Lgs. 81/2008) vi dedica una sezione nella quale definisce tale attività come: “operazioni di trasporto o di sostegno di un carico a opera di uno o più lavoratori, comprese le azioni del sollevare, deporre, spingere, tirare, portare o spostare un carico, che, per le loro caratteristiche o in conseguenza delle condizioni ergonomiche sfavorevoli, comportano rischi di patologie da sovraccarico biomeccanico, in particolare dorso-lombari”.

OBIETTIVO

Il corso si propone di dare le basi informative ed i primi strumenti operativi al fine di formare gli addetti alla movimentazione manuale dei carichi in merito a questa precisa tipologia di rischio.

CONTENUTI

  • Movimentazione manuale dei carichi: legislazione vigente
  • Struttura della colonna vertebrale
  • Esempi di sollevamento
  • Rischi connessi ad errata movimentazione manuale dei carichi
  • Sollevamento di carichi
  • Prevenzione e protezione della colonna vertebrale
  • Metodologie di valutazione del rischio.

Al termine del corso ogni partecipante sarà sottoposto ad un test di apprendimento consistente in un questionario a scelta multipla.
A seguito di verifica della frequenza e di superamento della prova, verrà consegnato l’attestato di partecipazione.

Il corso costituisce aggiornamento per RSPP/ASPP ai sensi dell’art. 32 bis, comma 6 del D.Lgs. 81/08, riconoscendo crediti formativi per 2 ore come previsto dell’accordo Stato-Regioni del gennaio 2006, e per datori di lavoro che hanno assunto il ruolo di RSPP come previsto dell’accordo Stato-Regioni del 21/11/2011.

Il corso costituisce aggiornamento per RLS ai sensi dell’art. 37, comma 11 del D.Lgs. 81/08, riconoscendo crediti formativi per 2 ore come previsto dell’accordo Stato-Regioni del gennaio 2006.

Il corso costituisce inoltre aggiornamento per DIRIGENTI,  PREPOSTI alla sicurezza aziendale e LAVORATORI.