F-GAS: novità da gennaio 2019

Pubblicato il Decreto di recepimento del Reg. UE n. 517/2014 sui gas fluorurati a effetto serra

Il D.P.R. n. 146/2018 ha disposto l’abrogazione del D.P.R. n. 43/2012 a partire dal 24 gennaio 2019 e pertanto risultano non più applicabili i seguenti obblighi:

  • Dichiarazione F-gas per gli operatori delle applicazioni fisse di refrigerazione, condizionamento d’aria, pompe di calore, nonché dei sistemi fissi di protezione antincendio contenenti 3 kg o più di gas fluorurati, da presentarsi entro il 31 maggio di ogni anno, al Ministero dell’Ambiente e contenente informazioni riguardanti la quantità di emissioni in atmosfera di gas fluorurati relativi all’anno precedente sulla base dei dati contenuti nel registro di impianto;
  • Registro dell’Apparecchiatura per gli operatori delle applicazioni fisse di refrigerazione, condizionamento d’aria e pompe di calore, contenenti 3 kg o più di F-gas e Registro del Sistema per gli operatori dei sistemi fissi di protezione antincendio contenenti 3 kg o più di F-gas.

MUD 2019: approvato il nuovo modello di dichiarazione

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il nuovo modello unico di dichiarazione ambientale per l’anno 2019

Con D.P.C.M. 24 dicembre 2018 è stato pubblicato il modello unico di dichiarazione ambientale (con relative istruzioni), da utilizzare per le dichiarazioni da presentare con riferimento all’anno 2018.

Il termine per la presentazione della dichiarazione slitta dal 30 aprile 2019 al 22 giugno 2019, ai sensi della L. n. 70/1994 (ovvero 120 giorni a decorrere dalla data di pubblicazione del suddetto decreto in Gazzetta Ufficiale).

Si ricorda che la Comunicazione Rifiuti deve essere presentata da:

  • Chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti;
  • Commercianti ed intermediari di rifiuti senza detenzione;
  • Imprese ed enti che effettuano operazioni di recupero e smaltimento dei rifiuti;
  • Imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi;
  • Imprese ed enti produttori che hanno più di dieci dipendenti e sono produttori iniziali di rifiuti non pericolosi derivanti da lavorazioni industriali, da lavorazioni artigianali e da attività di recupero e smaltimento di rifiuti, fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento dei fumi.

RIFIUTI: soppressione del SISTRI e istituzione del Registro elettronico nazionale

Dal 1° gennaio 2019 adottate nuove misure in tema di tracciabilità dei rifiuti

Con L. n. 12/2019 è stato disposto quanto segue:

  • abolizione del SISTRI (a decorrere dal 1° gennaio 2019)
  • istituzione del “Registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti” (a decorrere dal 13 febbraio 2019)

Con apposito decreto (in attesa di approvazione e pubblicazione in Gazzetta Ufficiale) saranno definiti:

  • modalità di organizzazione e funzionamento del Registro;
  • modalità di iscrizione dei soggetti obbligati e di coloro che intendano volontariamente aderirvi;
  • relativi adempimenti;
  • importi dovuti da parte degli iscritti a titolo di diritti di segreteria e di contributo annuale (con relative modalità di versamento);
  • importi delle sanzioni amministrative pecuniarie previste per violazione dell’obbligo di iscrizione, mancato o parziale versamento del contributo e violazioni degli altri suddetti adempimenti.

Dal  1°  gennaio  2019  e  fino  al  termine   di   piena operatività del Registro restano validi gli adempimenti di cui agli artt. 188, 189, 190 e 193 del D.Lgs. n. 152/2006 ovvero la tenuta del registro di carico e scarico ed i formulari di identificazione dei rifiuti per il trasporto.

ISO 45001: è attesa la pubblicazione ufficiale a marzo 2018

Il 27 gennaio 2018 è stata chiusa positivamente la votazione per l’approvazione del Final Draft International Standard (FDIS) della norma 45001 Occupational health and safety management systems – Requirements with guidance for use.

La pubblicazione del nuovo standard ISO (in lingua inglese) è prevista per il mese di marzo 2018.

In seguito, lo stato ufficiale di OHSAS 18001:2007 sarà considerato “Ritirato” e si prevede un periodo transitorio di tre anni per garantire alle aziende certificate con tale standard il tempo necessario per l’adeguamento del proprio sistema di gestione.

La struttura dello standard è allineata con quella dei più noti standard per la gestione della qualità (ISO 9001) e ambientale (ISO 14001) in edizione 2015.

L’UNI si è già attivata per adottare la ISO 45001, integrandone i contenuti con alcune note di chiarimento, che facciano riferimento alla legislazione italiana vigente in materia.

Calendario dei corsi di formazione nei mesi di Febbraio e Marzo 2018

Pubblichiamo il calendario dei corsi di formazione in programmazione nei mesi di FEBBRAIO e MARZO 2018.

  • Corso di formazione per preposti (8 ore): giovedì 22/02/18, dalle ore 9.00-13.00 alle ore 14.00-18.00, presso l’aula del gallo sita in via Bella Venezia n. 67/d a Bella Venezia di Castelfranco Veneto (TV).
  • Corso di formazione generale e specifica dei lavoratori (4-16 ore): lunedì 05, 12, 19 e 26/03/18, dalle ore 14.00-18.00, presso l’aula del gallo sita in via Bella Venezia n. 67/d a Bella Venezia di Castelfranco Veneto (TV).
  • Corso di formazione per Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) (32 ore): martedì 06, 13, 20 e 27/03/18, dalle ore 9.00-13.00 alle ore 14.00-18.00, presso l’aula del gallo sita in via Bella Venezia n. 67/d a Bella Venezia di Castelfranco Veneto (TV).
  • Corso SOFT SKILLS E LEAN PRODUCTION (12 ore): giovedì 08/03/18, dalle ore 9.00-12.00, venerdì 16/03/18, dalle ore 9.00-13.00 e giovedì 29/03/18, dalle ore 9.00-12.00, presso l’aula del gallo sita in via Bella Venezia n. 67/d a Bella Venezia di Castelfranco Veneto (TV).

N.B: Il corso costituisce aggiornamento per RSPP/ASPP, RSPP datori di lavoro e per lavoratori del settore METALMECCANICO, riconoscendo crediti formativi per 12 ore.

Per avere maggiori informazioni e ricevere le circolari con le specifiche dei corsi, scrivere a m.giannini@caratservizi.it oppure compilare il format di richiesta informazioni presente nel nostro sit

Infortuni: dal 12 ottobre obbligo di comunicazione anche per un giorno

A decorrere dal 12 ottobre 2017 il datore di lavoro ha l’obbligo di comunicare in via telematica all’INAIL (nonché per suo tramite al sistema informativo nazionale per la prevenzione nei luoghi di lavoro, SINP), entro 48 ore dalla ricezione del certificato medico, a fini statistici e informativi, i dati e le informazioni relativi agli infortuni sul lavoro che comportino un’assenza dal lavoro di almeno un giorno, escluso quello dell’evento (art.18, comma 1-bis del D.Lgs. n. 81/2008, come modificato con L. n. 19/2017).